Il buon Pastore

«Voglio dirvi una cosa.
Nel Vangelo è bello quel brano che ci parla del pastore che, quando torna all’ovile, si accorge che manca una pecora, lascia le 99 e va a cercarla, a cercarne una.
Ma, fratelli e sorelle, noi ne abbiamo una; ci mancano le 99!
Dobbiamo uscire, dobbiamo andare da loro!
In questa cultura – diciamoci la verità – ne abbiamo soltanto una, siamo minoranza!
E noi sentiamo il fervore, lo zelo apostolico di andare e uscire e trovare le altre 99?
Questa è una responsabilità grande, e dobbiamo chiedere al Signore la grazia della generosità e il coraggio e la pazienza per uscire, per uscire ad annunziare il Vangelo.
Ah, questo è difficile. È più facile restare a casa, con quell’unica pecorella!
È più facile con quella pecorella, pettinarla, accarezzarla… ma noi preti, anche voi cristiani, tutti: il Signore ci vuole pastori, non pettinatori di pecorelle; pastori!
E quando una comunità è chiusa, sempre tra le stesse persone che parlano, questa comunità non è una comunità che dà vita. È una comunità sterile, non è feconda. La fecondità del Vangelo viene per la grazia di Gesù Cristo, ma attraverso noi, la nostra predicazione, il nostro coraggio, la nostra pazienza».
Papa Francesco

Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita?
In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite.
Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda

Updated: 12/01/2018 — 10:45
© MASCI Regione Lombardia