MASCI Regione Lombardia

Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani - Regione Lombardia

Storia M.A.S.C.I.

La Proposta del Masci

La storia del Masci e la sua proposta …

La proposta che il movimento Adulti Scout Cattolici Italiani fa agli Uomini e Donne  è quella che parte da una convinzione ben espressa nel nostro Patto Comunitario che riporta:

“Siamo uomini e donne provenienti da strade ed esperienze diverse, ma uniti dalla convinzione che lo scautismo è una strada di libertà per tutte le stagioni della vita e che la felicità è servire gli altri a partire dai più piccoli, deboli ed indifesi.

Apparteniamo alla grande famiglia dello scautismo e ci riconosciamo nei valori espressi dalla Promessa e dalla Legge scout.
Siamo convinti che la nostra proposta sia valida per ogni persona che non consideri l’età adulta un punto di arrivo, ma voglia continuare a crescere per dare senso alla vita ed operare per un mondo di pace, più libero e più giusto. Per questo motivo ci rivolgiamo a chi vuole continuare a fare educazione permanente con il metodo scout e a testimoniarne i valori e a chi si avvicina per la prima volta allo scautismo da adulto”

UN PO’ DI STORIA

 

1944 Nel centro sud dell’Italia vengono fondate le Compagnie dei Cavalieri di S. Giorgio, prima forma organizzativa della scoutismo adulto.

1945 – Lo scoutismo degli adulti si diffonde anche nel nord Italia.

1953 – Costituzione dell’IFOFSAG da parte di 16 nazioni tra cui 11talia.

1954 – L’organizzazione degli adulti scout si qualifica come Movimento e assume la sigla M.A.S.C.I. (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani).

1958 – Il M.A.S.C.I. si qualifica come movimento di Adulti Scout (ex ASCI) e Adulte Guide (ex AGI).

1965 – Il M.A.S.C.I. si qualifica come movimento a cui possono aderire i coniugi degli Adulti Scout e Adulte Guide e adulti non provenienti dallo scoutismo.

1968 – Approfondimento dell’idea della partecipazione alla vita politica come servizio.

1970 – Approfondimento dell’educazione permanente e della coeducazione.

1972 – L’Assemblea Nazionale dà una nuova struttura organizzativa al M.A.S.C.I., con l’istituzione dei Segretariati regionali e del Consiglio Nazionale, come organismo di coordinamento e di sviluppo del Movimento. Nello stesso anno iniziano i Seminari di Animazione, con lo scopo di fornire idee e spunti concreti per la vita delle comunità.

1976 – Il M.A.S.C.I. si qualifica come movimento di educazione permanente e di azione civica.

Negli anni ’80 vengono tenuti vari convegni sul servizio e sull’importanza dell’impegno degli adulti scout nella politica e si realizzano i primi convegni nazionali di catechesi.

Gli anni ’90 sono caratterizzati da una riflessione sul metodo e sulla vita comunitaria

 

© MASCI Regione Lombardia